ETIOPATOGENESI DEL CHERATOCONO

Etiopatogenesi del Cheratocono: una svolta storica sulle teorie dell’origine e sviluppo del Cheratocono.
Dopo anni di studi e ricerche e dopo aver osservato centinaia di pazienti affetti da cheratocono ed operati con l’intervento di ARK-Mini ARK, intuii che la malattia non poteva avere origini genetiche, come si ritiene comunemente, ma che presentava piuttosto le caratteristiche di una malattia infettiva assimilabile, come quadro clinico, ad una Cheracongiuntivite sub acuta cronica, ad andamento prevalentemente familiare.
I sintomi quali bruciori ed irritazioni ricorrenti, sensazione di corpo estraneo, necessità di sfregare gli occhi (rubbing) ed, in molti casi, una secchezza oculare anche associata a manifestazioni allergiche, indicano chiaramente una malattia del Collagene corneale con caratteristiche comuni a molte altre malattie infettive della cornea e della congiuntiva.

Il Fattore Biologico, cioè la scoperta dell’agente patogeno che è stato da noi individuato nel Gennaio 2004, rappresenta il momento iniziale della modificazione degenerativa del collagene corneale che ha la capacità di agire alterando il forte legame strutturale delle molecole della elicoidale del collagene stesso, permettendo quindi al collagene di allungarsi semplicemente sotto l’azione costante della pressione endoculare che spinge la cornea verso l’esterno; ecco perché la cornea aumenta di raggio di curvatura: poiché si allunga e, contemporaneamente, si assottiglia proporzionalmente all’allungamento raggiunto, provocando quel quadro clinico conosciuto come Ectasia Progressiva della cornea nel Cheratocono.
Vi sono poi altre due azioni meccaniche pregiudizievoli per la cornea: la prima consiste nello sfregamento che il paziente esercita più volte sui bulbi con le mani (rubbing), per un forte disagio come da corpo estraneo, la seconda è l’uso delle lenti a contatto, soprattutto rigide, ed il loro sfregamento meccanico continuo sulla cornea. Entrambi sono fattori di ulteriore allentamento ed allungamento del collagene corneale che non fanno che favorire il progressivo sfiancamento della cornea stessa, diventando “co-fattori” del peggioramento clinico.

Vige, a chiarificazione, il principio dell’elastico che, se viene stirato, si allunga, ma proporzionalmente si assottiglia. L’allungamento dell’elastico è ovviamente lineare, quello della cornea, invece, si esplica con un aumento progressivo dei raggi di curvatura, come se venisse gonfiato un pallone di gomma.
La letteratura internazionale ci parla invece di cause genetiche ad oggi non chiarite. Gli studi attuali individuano infatti più geni (4 ad oggi, tutti diversi tra loro) responsabili della malattia ma non è stato trovato alcun riscontro che confermi se a tale alterazione della cornea del soggetto corrisponda un’alterazione genetica identica su campioni prelevati dal collagene di altre zone del corpo del paziente. Poiché se di “collagenopatia geneticamente indotta” si trattasse, troveremmo alterazioni strutturali che colpirebbero non solo le cornee ma anche altri organi e sistemi, dove il collagene è presente. 

La genetica non può spiegare né la presenza di cheratocono che inizia in pazienti di oltre 50 anni di età o che colpisce un solo membro di un’intera famiglia, compresi ascendenti, discendenti e collaterali, né tanto meno si spiega il perché la malattia colpisca “quasi sempre” prima un occhio e poi, con un ritardo variabile, l’altro. Ciò invece è normale riscontro clinico nelle patologie infettive oculari.
D’altronde la genetica non può spiegare neanche la recidiva della malattia del cheratocono nel lembo del donatore trapiantato, che incide per oltre il 45% dei casi e che può essere invece chiaramente spiegato dalla presenza dell’ “agente patogeno” nella cornea del ricevente che infetta la cornea nuova del donatore. 
Da Gennaio 2004 abbiamo quindi iniziato uno studio sistematico su diversi agenti patogeni, successivamente restringendo la nostra ricerca su un gruppo specifico ed in questo gruppo siamo riusciti a definire una specie presente costantemente nel 99,9% dei soggetti esaminati che riteniamo essere la responsabile delle modifiche patologiche: un Fungo.

Abbiamo successivamente individuato quei “co-fattori” responsabili dell’ “infezione” (in fase di espansione progressiva nella popolazione ) che consentono l’arrivo del patogeno solo su quegli occhi che presentino situazioni ambientali e personali favorevoli all’attecchimento del patogeno stesso.
Questa fase “Iniziale Biologica Infettiva” è poi responsabile di quelle modifiche biomeccaniche destrutturanti del tessuto collagene corneale normale: così si spiega il passaggio dalla fase pre-clinica asintomatica del cheratocono al tipo I, poi II, poi III, fino alla perforazione corneale spontanea nei casi più gravi.
È per questo che diventa comunque necessario il ripristino strutturale della cornea alterata (ectasia progressiva con conseguente ingrandimento progressivo della cornea): questo è possibile con la tecnica incisionale da me ideata 31 anni fa, cioè la ARK e poi da me modificata in Mini ARK, che è l’unica tecnica che riesce a rimodellare tale alterata geometria della struttura e curvatura corneale la quale, essendosi rigonfiata in modo asimmetrico (così come si può facilmente vedere in tutte le mappe corneali) viene, con questa mia tecnica di microchirurgia asimmetrica, rimodellata nella sola parte che si è sfiancata.

Tale chirurgia è, ad oggi, non solo l’unica tecnica chirurgica da considerare quale prevenzione dell’ulteriore sfiancamento corneale, e quindi capace di impedire il trapianto di cornea nell’oltre 98% dei casi trattati, ma è anche l’unica tecnica “implosiva” (che riesce cioè a far ricompattare il tessuto corneale assottigliato ed allungato ottenendo un incremento dello spessore corneale centrale dai 20-30 microns fino a 80 microns di spessore).
La tecnica produce un effetto correttivo del difetto refrattivo, conseguenza del Cheratocono, soprattutto quando essa è di tipo miopico ed astigmatico miopico o misto. Vi è, a volte, la necessità di correggere nel post operatorio con una lente da occhiale nel caso di intervento in un occhio con cheratocono che presenti un difetto refrattivo ipermetropico.
Siamo oggi quindi in grado, da una parte di individuare ed eliminare l’Agente Patogeno del Cheratocono dopo la prima visita Oculistica con un successivo trattamento di Medicina Biocibernetica, oltre ad eliminare altri agenti patogeni presenti (fattori stressogeni, sostanze chimiche tossiche, metalli pesanti tossici), dall’altra di indicare ai pazienti quelle modifiche ambientali e cure personali che bisogna osservare al fine di evitare una possibile re-infezione. 
Tali risultati, di tipo “biologico”, ci consentono di migliorare, rinforzare e consolidare l’effetto chirurgico di modifica biomeccanica e di “Inversione” del processo di ectasia progressiva che l’intervento di ARK, Mini ARK ed epicheratoprotesi aveva raggiunto. Inoltre, negli occhi recentemente trapiantati, possiamo anche impedire la possibile recidiva di infezione del cheratocono nel lembo trapiantato (circa 45% dei casi), visto che l’agente patogeno è ancora presente nella cornea del ricevente.
Svolgiamo, inoltre, un’azione di medicina preventiva per gli occhi di quei pazienti che abbiano contratto l’infezione da poco tempo e che presentino quindi o un cheratocono in fase pre-clinica (quegli occhi cioè che abbiano ancora un Visus naturale soddisfacente, di 10-12/10 ed il cui cheratocono sia quindi individuabile soltanto all’esame Oculistico e/o biocibernetico o quei pazienti che abbiano un cheratocono frusto o che presentino comunque un quadro clinico di “border line” = raggi di curvatura al limite del normale, pachimetrie centrali anche con lievi differenze tra un occhio e l’altro, mappe corneali con iniziale alterazione asimmetrica a settore della cornea. 

Tale azione di prevenzione viene svolta anche con esami sistematici dei membri della famiglia dove vi sia anche un solo caso di cheratocono clinicamente manifesto.

Contiamo quindi, con la Terapia Biologica, di impedire l’intervento conservando un buon Visus a quei pazienti che presentano un occhio con Visus normale e l’altro occhio già operato per la presenza di un cheratocono evoluto con le varie tecniche di ARK, Mini ARK, epicheratoprotesi, trapianto totale, lamellare, Intacs, ecc.

 

Quanto verrà qui descritto è il frutto di studi e ricerche personali, il cui contenuto innovativo di idee e concetti non è stato precedentemente pubblicato in alcun libro e/o rivista. Tali contenuti devono quindi essere considerati come lavoro scientifico e proprietà intellettuale dell’autore. 

Per garantire una migliore navigazione, Lombardi.com utilizza i cookies. più informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close